Biglietto Intero € 22,00 – Promozione € 17,00    LA VEDOVA ALLEGRA Operetta in tre atti di Viktor Léon e Leo Stein, musiche di F. Lehar La  Trama Le   finanze   del   Pontevedro   sono   in   grave   pericolo.   Infatti   la   graziosa   Anna,   vedova   del   banchiere   Glawari,   trascorso   l’anno   di vedovanza,   ha   deciso   di   recarsi   a   Parigi   e      magari   riprendere   marito.   Di   qui   il   problema.   Infatti   se   costui   non   fosse   un pontevedrino,   l’eredità   lascerebbe   le   casse   del   Pontevedro   e   la   bancarotta   sarebbe   inevitabile!   Il   barone   Zeta,   ambasciatore pontevedrino   a   Parigi,   coadiuvato   dal   suo   segretario   pasticcione,   Niegus,   ha   un’idea   geniale.   Rammentando   che   un   tempo   tra Anna   ed   il   Conte   Danilo   Danilowitch,   pontevedrino   purosangue   e   scapolo,   ci   fu   del   tenero,   ma   poi   non   se   ne   fece   nulla   per   una questione   di   diversità   di   ceto   sociale,   approfitta   della   festa   organizzata   in   ambasciata   per   il   genetliaco   del   sovrano,   per   farli incontrare:   forse   l’antica   fiamma   potrebbe   riaccendersi…   Le   cose   però,   inizialmente   non   vanno   nel   modo   sperato   ed   Anna   e Danilo,   anche   se   non   hanno   mai   smesso   di   amarsi,   non   riescono   a   dimenticare   gli   antichi   rancori.   Quando   tutto   sembra precipitare,   ecco   che   il   miracolo   dell’operetta   si   compie   ancora   una   volta! Anna   e   Danilo,   dopo   tanti   tentennamenti,   trovano   il coraggio di confessarsi il loro amore. Le finanze pontevedrine sono salve. Cast nella versione concerto:   ANNA GLAVARY - ELENA D'ANGELO - CONTE DANILO - GIANFRANCO CERRETO - CAMILLO DE ROSSILLON - FRANCESCO TUPPO VALANCIENNE- MERITA DI LEO - NJEGUS - MATTEO MAZZOLI - BARONE ZETA - GIANNI VERSINO COREOGRAFIE:   LIVIA GHIZZONI PIANOFORTE:   ANDREA ALBERTINI AMMINISTRAZIONE E ORGANIZZAZIONE:    SOPHROSYNE ARTE E SPETTACOLO DI STEFANO CENTORE
ERRICHETTA FESTIVAL VIII Edizione 11 gennaio 2018 ACCADEMIA DI FRANCIA - VILLA MEDICI 12 - 13 gennaio 2018 TEATRO ITALIA 14 gennaio 2018 SAN GIORGIO AL VELABRO 14 gennaio 2018 MOCOBO CENTRO CULTURALE 15 – 18 gennaio 2018 CENTRO CULTURALE TURCO Errichetta   Festival   è   l'appuntamento   annuale   con   i   grandi   maestri   della   musica   balcanica   e   mediorientale   organizzato   da   un gruppo di musicisti appassionati di musiche tradizionali che ogni anno porta a Roma artisti provenienti da tutto il mondo. L'ottava   edizione   si   svolge   d all’11   al   14   Gennaio   2018   a   Villa   Medici,   al   Teatro   Italia,   all’Istituto   Svizzero,      a   San Giorgio al Velabro  per i concerti e al Mocobo  e al Centro Culturale Turco  per i seminari. Il festival che da anni infiamma la capitale ospita 40 musicisti provenienti da 10 differenti nazioni. Il   meglio   della   musica   balcanica   e   mediorentale   suonata   da   grandi   maestri   e   custodi   di   tradizioni   millenarie.   Iran,   Bulgaria, Grecia,   Macedonia,   Turchia,   ma   anche   Nuova   Zelanda,   Canada,   USA   e   Italia   si   confrontano   in   uno   scambio   continuo   musicale   e generazionale.   Un   evento   straordinario   in   Italia   che   ha   permesso   a   musicisti   della   diaspora   di   incontrare   nuovamente   i   propri maestri   e   di   concepire   composizioni   ad   hoc   per   il   festival   attraversando   confini   e   superando   gli   ostacoli   geopolitici   che   stanno vessando    l'Europa.    La    musica    come    linguaggio    universale,    la    danza    come    forza    unificante,    il    pubblico    come    assoluto protagonista.   I   musicisti   di   questa   edizione   vi   aspettano   per   portarvi   in   luoghi   remoti   e   riscrivere   la   propria   identità.   Errichetta Festival è il luogo dove tutto è possibile. L’apertura    dell’ottava    edizione    del    festival    (11    gennaio    a    Villa    Medici)    è    affidata    a    Abolhassan    Khoshroo ,    voce    del Mazandaran,   regione   dell'Iran   Settentrionale,   accompagnato   dai   suoi   tre   nipoti,   Nima,   Mani   e    Pouya   Khoshravesh    che vivono   a   Parigi   e   che   si   riuniscono   a   lui   presentando   un   set   inedito.   Roma   e   il   Festival   sono   l’occasione   di   incontro   tra   due generazioni   di   musicisti   divisi   dalla   diaspora.   Suoneranno   anche   con   Siamak   Jahangiry ,   anche   lui   originario   del   Mazandaran   e oggi   noto   per   la   sua   interpretazione   del   Radif   (repertorio   della   musica   colta   persiana)   e   le   sue   collaborazioni   con   Yo-Yo   Ma   e Hossein   Alizadeh.   Il   12   al   Teatro   Italia,   saranno   presenti   altre   due   formazioni:   Samir   Kurtov ,   re   della   zurna   bulgara   in   trio   e   il maestro   di   launeddas   Luigi   Lai .   Sabato   13   gennaio   l’Istituto   Svizzero   ospita   due   giovani   artisti   dal   Nord-America,   Nigel   Taylor   dal   Canada   e   Chris   Cretella    dagli   Stati   Uniti   e   un   grande   maestro   del   sassofono   europeo,   lo   svizzero   Bertrand   Denzler ; mentre   il   Teatro   Italia   apre   la   serata   con   il   progetto   di   James   Wylie    e   prosegue   con   l’ East   trio   di   Federico   Pascucci    che suona   con   il   Martin   Lubenov   Jazzta   Prasta   Trio ,   il   concerto   di   Errichetta   Underground   e   il   viaggio   nelle   danze   greche   di Stavros   Kouskouridas .   Le   danze   tradizionali   greche   si   potranno   conoscere   anche   grazie   ad   un   seminario   gratuito   con Stefanos   Ganotis    in   programma   lo   stesso   giorno   dalle   10   alle   13,   sempre   al   Teatro   Italia.   Il   Festival   chiude   la   programmazione dei   concerti   (14   gennaio)   in   un   luogo   particolarmente   suggestivo,   la   chiesa   di   San   Giorgio   al   Velabro,   con   una   rara   proposta sonora:   dalla   Turchia   arriva   il   maestro   sufi   Omer   Erdoğdular       che   duetta   con      Murat   Aydemir    a   suon   di   ney   (flauto   di   canna) e   tanbur   (liuto   a   manico   lungo)   e   ci   trasporta   nelle   sonorità   antiche   della   Corte   Ottomana.   Nella   stessa   giornata   si   esibisce   Elan Ash  e il trio di Evgenios Voulgaris, Kostas Tsarouchis e  Fausto Sierakowski . Errichetta   festival   è   oggi   un   evento   unico   di   portata   internazionale,   cresciuto   grazie   alla   collaborazione   con   la   Fondation Meyer, Radio Tre, Villa Medici, l’Istituto Svizzero e Smartit . I   protagonisti   del   festival:   Luigi   Lai,   Samir   Kurtov,   la   musica   del   Mazandaran   (Iran),   James   Wylie   Lost   Cities   Ensemble   con Hayden   Chisholm   e   Avgerini   Gatsi   (Iran   -   Francia   -   Nuova   Zelanda   –   Grecia);   Federico   Pascucci   East   +   Martin   Lubenov   "Jazzta Prasta"   trio   (Italia   -   Bulgaria);   Stavros   Kouskouridas   Group   dalla   Grecia,   Evgenios   Voulgaris   Inside   Out   Trio   (Grecia   -   Francia), Elan   Asch   (USA);   Nigel   Taylor   (Canada),   Omer   Erdoğdular      e      Murat   Aydemir   (Turchia),      Chris   Cretella   (USA)   Bertrand   Denzler (Svizzera) e gli Errichetta Underground (Italia - Francia) 1.Luigi Lai:  patrimonio della musica sarda. Luigi   Lai   nasce   nel   1932   a   San   Vito   nel   Sarrabus,   regione   in   cui   palpita   da   tempo   immemore   il   cuore   della   tradizione   della launeddas, uno dei più antichi strumenti polifonici del Mediterraneo. Il   costante   impegno   e   la   grande   passione,   tradotti   nel   tempo   in   tecnica   esecutiva   e   personale   sensibilità   artistica,   hanno   fatto   di lui   il   più   celebre   ed   apprezzato   testimone   di   questa   tradizione   musicale.   Gli   va   riconosciuto   il   merito   di   aver   contribuito   a   far apprezzare la musica popolare sarda in tutto il mondo. 2.Musica del Mazandaran : Epica dall'Asia Centrale (Iran) Chiamata   Tapuria   dagli   antichi   greci,   si   situa   nel   nord   dell'Iran   sulla   costa   meridionale   del   Mar   Caspio.   Benchè   nei   secoli influenzata   dalla   cultura   persiana,   il   Mazandaran   possiede   una   ricca   tradizione   musicale   che   origina   dall'altrettanto   ricco patrimonio di poesia epica medioevale e sull'importante ruolo della pastoralità in questo terreno montagnoso. Il cantante Abolhassan Khoshroo  (1947) è il simbolo di questo patrimonio musicale. Sarà   accompagnato   da   Siamak   Jahangiry ,   uno   dei   più   importante   suonatori   di   Nay   in   Iran   e   esperto   del   Radif   (repertorio   della musica classica persiana) nonchè collaboratore di Yo-Yo Ma e Hossein Alizadeh. 3.Samir Kurtov Trio : Danze del Re della Zurna (Bulgaria) Una   leggenda   turca   racconta   che   l'Arcangelo   Gabriele   donasse   l'anima   ad   Adamo,   plasmato   dalla   terra,   attraverso   il   suono   della zurna.   Strumento   a   fiato   a   doppia   ancia,   antenato   dell'oboe   e   cugino   della   ciaramella,   la   zurna   si   è   diffusa,   nelle   sue   diverse accezioni, in tutto il mondo, dalla Corea al deserto del Sahara. Samir Kurtov, nato nel 1971 a Kavrakirovo, è oggi considerato il più grande Zurnista dei Balcani. Musicista   di   un   carisma   e   una   potenza   straordinaria,   viaggia   senza   sosta   per   suonare   a   matrimoni   e   a   vari   rituali   tradizionali (lotta nel fango, festa dei kukeri -simili ai Mamuthones sardi) della Bulgaria, Grecia e Turchia. 4.Omer Erdoğdular e Murat Aydemir Duo : Maestri della musica ottomana Dalla   Turchia   arriva   il   maestro   sufi   Omer   Erdoğdular   che   duetta   con   Murat   Aydemir   a   suon   di   Ney   (flauto   di   canna)   e   Tanbur (liuto a manico lungo) e ci trasporta nelle sonorità antiche della Corte Ottomana. 5.Stavros Kouskouridas : Ballo finale Il   clarinetto   è   lo   strumento   re   nella   maggioranza   delle   musiche   tradizionali   greche   dagli   anni   50   in   poi.   Stavros   Kouskouridas, uno   dei   migliori   clarinettisti   odierni,   è   ospite   dell’Errichetta   Festival   insieme   al   suo   ensemble   composto   di   Laouto,   Violino   e Percussioni.   Il   repertorio   partirà   da   semplici   danze   come   il   Syrto   e   il   Kalamatiano   per   approdare   in   seguito   alle   danze   dell’Epiro   e della Macedonia. Il Festival organizza inoltre un seminario gratuito delle stesse danze il sabato mattina per prepararci al grande ballo finale. 5.Federico Pascucci East Trio + Martin Lubenov "Jazzta Prasta" trio  (Italia / Bulgaria) In   anteprima   assoluta   Errichetta   Festival   propone   l’incontro   internazionale   di   due   band   con   il   comune   denominatore   dello scambio   tra   l'Est   e   l'Ovest:   Il   trio   di   Martin   Lubenov,   virtuoso   della   tradizione   della   fisarmonica   rom   bulgara   e   compositore ispirato   da   molteplici   stili   occidentali,   e   l'East   Trio   di   Federico   Pascucci,   sassofonista   jazz   impegnato   nella   ricerca   nella   musica tradizionale est europea, si uniranno sul palco per dare vita ad un quintetto senza precedenti. 6.Errichetta Underground : Maestri delle cerimonie Il   gruppo   musicale   nasce   nel   2008   tra   le   strade   di   Roma   dall'armonico   connubio   fra   centro   e   periferia,   fratelli   e   figli   unici,   supplì e   teste   di   cernia.   Gli   Errichetta   sono   un   immischiarsi   di   storie,   di   percorsi   musicali   diversi   che   si   sprigiona   in   un   energia   scenica dirompente che travolge il pubblico e li porta con se alla scoperta di mondi lontani. La   sua   casa   continua   ad   essere   il   Festival   e   quest'anno   saranno   maestri   delle   cerimonie   del   Teatro   Italia,   esibendosi   sia   nella serata di Sabato che introducendo al pubblico gli incredibili musicisti. "Siamo portatori di gioie, sorprese e pazzie, abbandonatevi a noi e salite sul carro di Apollo che il sole sorge nell'Oriente" 7.James Wylie’s Lost Cities Ensemble : Commissione Errichetta Festival (Grecia - Iran - Francia - Nuova Zelanda - Germania) Il   Lost   Cities   Ensemble   di   James   Wylie   ritorna   con   la   nuova   creazione   Ghahraman   Nameh   -   Book   of   Heros   ispirata   a   figure mitologiche della tradizione greca, persiana e neozelandese. Cercando   di   dimostrare   l'interconnessione   universale   delle   culture,   esaminando   e   assorbendo   storie   come   quelle   di   Siavash (Ferdowsi),   Odisseo   (Omero)   e   personaggi   recenti   come   Te   Whiti   O   Rongomai   (leader   spirituale   Maori)   possiamo   scoprire   un senso   di   forza,   determinazione   e   ispirazione   che   ci   unisce   e   ci   aiuta   ad   attraversare   questi   tempi   difficili.   Questa   musica   ne   è   un tentativo. 8.Evgenios Voulgaris Inside Out Trio : Un   viaggio   sonoro,   dove   composizioni   sia   antiche   che   contemporanee,   provenienti   dalla   tradizione   musicale   ottomana,   sono connesse   da   improvvisazioni   (Taksim)   sui   diversi   modi   del   makam.   Al   fine   di   entrare   in   contatto   con   la   forza   meditativa   di   questa specifica   tradizione   musicale   e,   tramite   essa,   di   fare   esperienza   della   continua   evoluzione   delle   proiezioni   sentimentali   in relazione   ai   cambiamenti   temporali   e   personali.   In   solo   all'Errichetta   Festival   VI,   in   duo   con   Sokratis   Sinopoulos   all’EF   VII, Evgenios   Voulgaris   riprende   questo   viaggio   in   compagnia   questa   volta   di   due   suoi   studenti,   Kostas   Tsarouchis   al   contrabbasso   e Fausto Sierakowski al sassofono. 9 Seminari : L'Errichetta   Festival   organizza   ogni   anno   degli   stage   di   formazione   e   delle   masterclass   con   gli   artisti   invitati,   per   favorire   la condivisione e la trasmissione della loro eccezionale eredità musicale. Per   musicisti   professionisti   ed   amatori,   si   tratta   di   un'occasione   molto   rara   per   scoprire   e   approfondire   la   conoscenza   di   un patrimonio musicale altrimenti difficilmente accessibile. I CONCERTI ACCADEMIA DI FRANCIA A ROMA - VILLA MEDICI ingresso libero Giovedi 11 gennaio h 20.30 Musica del Mazandaran TEATRO ITALIA Venerdi 12 gennaio h 20.45 Luigi Lai (Sardegna) Musica del Mazandaran (Iran) Samir Kurtov Trio (Bulgaria) Sabato 13 gennaio h 20.45 James Wylie Lost Cities Ensemble (Grecia/Iran(Nuova Zelanda/ Germania/ Francia) Federico Pascucci East Trio e Martin Lubenov Jazzta Prasta Trio (Italia/Bulgaria) Errichetta Underground (Italia) Stavros Kouskouridas Group (Grecia) ISTITUTO SVIZZERO ingresso libero Sabato 13 gennaio h 18.00 ERRICHETTA CONTEMPORANEA Nigel Taylor, Chris Cretella, Bertrand Denzler (Canada/Usa/Svizzera) CHIESA DI SAN GIORGIO AL VELABRO ingresso libero Domenica 14 gennaio h 18.30 Elan Asch (Usa) Inside out trio: Evgenios Voulgaris, Kostas Tsarouchis, Fauso Sierakowski (Grecia) Omer Erdoğdular  e  Murat Aydemir Duo (Turchia) I SEMINARI Sabato 13 gennaio seminario di danza tradizionale greca con STEFANOS GANOTIS al Teatro Italia ad ingresso libero h 10.00- 13.00 Domenica 14 gennaio seminari con REZA SAMANI h 10.00- 13.00 SIAMAK JAHANGIRY h 12.30- 17.00 AVGERINI GATSI h 12.30- 17.00 Dal 15 al 18 gennaio seminario di OMER ERDOĞDULAR al Centro di Cultura Turco 6 ore al giorno 10-13 * 14-17 I LUOGHI DEL FESTIVAL VILLA MEDICI Viale Trinità dei Monti 1 Roma TEATRO ITALIA Via Bari, 18 Roma - Zona Policlinico / Piazza Bologna ISTITUTO SVIZZERO (Sala Elvetica) Via Liguria, 20 Roma CHIESA DI SAN GIORGIO AL VELABRO Via del Velabro 19 Roma CENTRO CULTURALE TURCO Via Lancellotti 18 Roma MOCOBO Via Pellegrino Matteucci, 98 Roma ORARI E BIGLIETTERIA TEATRO ITALIA Info botteghino: 06/44239286 Apertura biglietteria: 11:00 Apertura sala: 20:00 Inizio concerto: 20:45 Biglietti: intero 12 euro, ridotto 9 euro (solo studenti under 25), abbonamento 2 serate 20 euro. Acquisto online + 1 euro ddp www.errichettafestival.it https://www.facebook.com/errichettafestival errichettafestival@gmail.com UFFICIO STAMPA ERRICHETTA FESTIVAL CARLA ROMANA ANTOLINI 3939929813 crantolini@gmail.com BENEDETTA BOGGIO 3332062996 benedetta.bo@gmail.com
TEATRO ITALIA s.r.l   Via Bari, 18 - Roma   tel. 06 44.23.92.86    P.Iva: 08416531005
Progetto di rete
SteveR